Il riso in un ristorante ha un sapore molto migliore del riso consumato in casa e ha tutto a che fare con l’acqua

Ecco come si prepara il riso come se fosse arrivato direttamente da un ristorante!

Cucinare il riso sembra il lavoro più facile del mondo: fai bollire un po’ d’acqua, aggiungi il riso e fai bollire di nuovo. Eppure questo processo apparentemente semplice si traduce spesso in un disastro secco, duro, molliccio. Come può essere che il riso abbia sempre un sapore migliore al ristorante?

È così che si prepara il riso degno di un ristorante.

Risciacquo e ammollo

Per prima cosa, bisogna sciacquare i chicchi di riso per togliere l’amido in eccesso. Questo perché l’amido può rendere i chicchi troppo appiccicosi quando li cuoci. Sciacqua i chicchi per tutto il tempo che ci vuole affinché l’acqua sia limpida. Se usi riso integrale, basmati, gelsomino o texmati, devi mettere a bagno i chicchi per altri 30 minuti fino a un’ora.

Quantità d’acqua

È qui che molti sbagliano quando cucinano il riso. Anche quando si seguono meticolosamente le istruzioni sulla confezione, il riso non ha il sapore che ci si aspettava. Per il riso bianco servono da 360 a 420 ml di acqua per 175 grammi di riso. Per il riso integrale, invece, è diverso: per il riso integrale servono 480 ml di acqua per 175 grammi di riso.

Pentola

C’è un’altra cosa da tenere a mente: devi usare il vaso giusto. Usa una pentola con una base spessa, perché il fondo farà in modo che il calore sia distribuito uniformemente. Se usi una pentola con la fondo sottile, la parte centrale cuocerà più velocemente dei lati della pentola.

Ora che sai tutte le informazioni, è il momento di imparare a cucinarlo veramente. Vai alla pagina successiva per scoprire come!

Pagina 1/2