Nove celebrità che hanno dovuto scontare una pena in prigione

Essere una celebrità non significa che puoi sfuggire alla giustizia

Anche se certe cose nella vita sono più facili per le celebrità, non possono sfuggire alla legge. I migliori atleti, attori e cantanti sono condannati come chiunque altro se commettono un crimine e a volte finiscono addirittura dietro le sbarre. Questo è stato il caso di queste nove celebrità.

Felicity Huffman

Naturalmente, ogni genitore vuole che il proprio figlio vada in una buona scuola. Felicity Huffman pagherebbe molto per questo. L’attrice è stata dichiarata colpevole di frode nel 2019, dopo aver pagato 15.000 dollari per aumentare i punteggi degli esami di sua figlia. Per questa trasgressione, la star di Desperate Housewives ha dovuto scontare una pena detentiva di 14 giorni in California. È stata anche multata di 30.000 dollari e condannata a 250 ore di servizio sociale.

Bill Cosby

Diverse volte, Bill Cosby è stato accusato di abuso sessuale. Nel dicembre 2015, è stato perseguito per tre accuse di abuso sessuale su una donna. Nel 2018, è stato giudicato colpevole di questo e ha dovuto affrontare una pena detentiva tra i tre e i dieci anni e una multa di 25.000 dollari. È stato brevemente detenuto nel penitenziario di Montgomery Country Correctional Facility, dopo di che è stato trasferito in una prigione di stato in Pennsylvania nel settembre 2018. Qui gli è stata assegnata una cella singola e non gli è stato permesso di avere contatti con altri prigionieri per i primi quattro mesi.

Teresa Giudice

Nell’ottobre 2014, la star di The Real Housewives di New Jersey, Teresa Giudice, e suo marito Joe, sono stati condannati per frode fallimentare. Entrambi sono stati condannati alla prigione. Teresa ha dovuto scontare 11 mesi e suo marito Joe è stato condannato a 41 mesi. Tuttavia, i due non andarono in prigione nello stesso periodo. Il giudice lasciò che i due scontassero le loro pene separatamente, in modo che un genitore potesse prendersi cura delle loro quattro figlie mentre l’altro era in prigione.

Continua a leggere nella pagina successiva.

Pagina 1/2