Maledizione sul set: questi film dell’orrore non si sono fermati dopo le riprese

Alcuni film dell’orrore sembrano essere stati molto più spaventosi durante le riprese di quelli che abbiamo visto al cinema. Potresti considerarli film “maledetti”. Niente è più spaventoso della vita reale.

The Omen

Risale agli anni ’70, quando i film horror erano estremamente popolari, è The Omen. Un film su un ragazzo che sembra essere l’anticristo. Molti dicono che è il film più maledetto di tutti i tempi. Tutto è iniziato due mesi prima dell’inizio delle riprese, quando il figlio di Gregory Peck, uno dei protagonisti del film, si è suicidato. In seguito, sia l’aereo di Peck che quello di un produttore sono stati colpiti da un fulmine. Tutto finì bene entrambe le volte. Lo stesso produttore è sopravvissuto ad un bombardamento dell’IRA nell’albergo in cui alloggiava. A causa dell’annullamento all’ultimo minuto di una cena, lui e molti della troupe evitarono un secondo bombardamento da parte dell’IRA al ristorante dove avrebbero dovuto mangiare. Quando hanno noleggiato un aereo per le riprese, all’ultimo minuto è stato sostituito con un altro aereo. L’aereo che avevano noleggiato è stato dato ad un altro gruppo e si è schiantato ancor prima di decollare, nessuno di loro è sopravvissuto. Uno degli addestratori di tigri nello zoo dove è stato girato il film è stato ucciso dopo essere stato attaccato da una tigre. Due mesi dopo le riprese, John Richardson ha quasi incontrato un destino fatale. L’uomo che era responsabile degli effetti speciali – molto spaventosi – del film, lavorava ora con la sua magia in Olanda per il film A Bridge Too Far. E nello stesso paese, venerdì 13 (nell’agosto 1976) si è schiantato contro un’auto in arrivo. Richardson è sopravvissuto ma la sua assistente no, è stata decapitata. Secondo Richardson, l’incidente è avvenuto mentre si trovava a 66,6 chilometri dalla città di Ommen (L’Omen). Poiché 666 è il numero del diavolo, era troppo scioccato per tenere gli occhi sulla strada.

Il produttore Harvey Bernhard disse più tardi della realizzazione del film: “Questa è stata un’opera del diavolo, e chiaramente non voleva che questo film fosse fatto”.

Poltergeist

Il film horror Poltergeist uscì nel 1982 e fu un tale successo che decisero di fare due sequel. Ma quando arrivò il momento di girare, non fu facile trovare attori che volessero assumere i ruoli.

Il motivo: La maledizione di Poltergeist.

C’erano diverse ragioni per la storia della voce di una maledizione su questo film che iniziò poco dopo le riprese del primo film. Dominique Dunne, che interpreta la sorella maggiore, è stata sorpresa dal suo ex fidanzato e strangolata a morte poco dopo la premiere ed è morta dopo cinque giorni di coma. E’ stata la sua reazione al fatto che lei non lo voleva più nella sua vita.

Poco prima dell’inizio delle riprese del secondo film, l’attore protagonista, Julian Beck, ha scoperto di avere il cancro. Ce la fece a superare la produzione del film ma morì poco dopo.

Anche Will Sampson, che interpretava lo sciamano indiano, è morto poco dopo le riprese durante un’operazione ai polmoni. Durante tutta la produzione ci sono stati così tanti casi paranormali che hanno deciso di fare un esorcismo per liberarsi di ogni maledizione. Ma questo non sembrava portare a termine il lavoro. Il caso peggiore in cui la maledizione ha fatto il suo dovere è stato quando la giovane e bionda attrice protagonista Heather O’Rourke è morta di malattia di Crohn nel 1988 a soli 12 anni.

Alla fine, nessuno voleva un ruolo nella terza parte della serie. Nonostante ciò, si fece, ma dovettero pagare molto. Il denaro, a quanto pare, ha aiutato ad alleviare lo shock. Più tardi, l’attrice protagonista JoBeth Williams raccontò ad un talk show che il regista Steven Spielberg aveva usato delle vere ossa umane durante le riprese. Lo fece perché all’epoca era più economico che farsi fare degli scheletri finti. La sua affermazione non è mai stata contraddetta e molti sono convinti che questa azione abbia maledetto il film.

Leggi di più nella pagina successiva.

Pagina 1/2